Pancake senza glutine e lattosio

Pubblicato il

 

 

Per me la colazione è uno dei momenti più belli della giornata. Soprattutto la domenica, quando ci si alza un po’ più tardi e ci si gode la calma di un caffè americano sorseggiato piano piano e qualche dolcetto goloso. La scelta migliore per una coccola mattutina per me restano sempre i Pancake. Vediamo come prepararli senza glutine e senza lattosio. Vi assicuro che non sentirete la differenza da quelli classici!

INTOLLERANZE ALIMENTARI: Questa ricetta è senza glutine e senza lattosio. Ma se siete più fortunati di me e non avete problemi di intolleranza a uno dei due componenti potete tranquillamente usare latte, burro o farina “classici”.

 

 

INGREDIENTI per circa 20 pancake

_ burro senza lattosio 50 gr

_ mix di farine senza glutine (io uso la MIX IT della Schär) 250 gr

_ uova 4

_ latte senza lattosio 200 ml

_ lievito vanigliato 16 gr (una bustina)

_ zucchero 30 gr

PROCEDIMENTO

Fai fondere il burro e lascia intiepidire fuori dal fuoco.

Separa tuorli e albumi. Monta gli albumi a neve con un pizzico di sale e metti da parte. Sbatti i tuorli con lo zucchero: quando hanno cambiato colore, diventando più gialli, sono pronti. Aggiungi il burro fuso tiepido a filo e poi anche il latte a filo. Incorpora il lievito nella farina e aggiungi entrambi al composto di tuorli-burro-latte, continuando a mescolare per non creare grumi. Da ultimo incorpora gli albumi.

Prendi una padella antiaderente e ungila leggermente con del burro senza lattosio o dell’olio di semi.  Quando è ben calda, versa un mestolo di pastella al centro della padella e lascia cuocere a fuoco medio finché, nella zona centrale del pancake,  non vedi formarsi in superficie delle bolle. Ora è il momento di girare il pancake e cuocere un minuto anche sull’altro lato. Ripeti l’operazione fino al termine della pastella.

Servi i pancake con l’immancabile sciroppo d’acero. Puoi anche decorarli con frutti rossi o frutta fresca.

L’idea in più

Puoi anche preparare i pancake, congelarli divisi in porzioni e scaldarli all’occorrenza.

 

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.